Zak McKracken: Between Time and Space

Da quando ho iniziato a seguire il mondo delle avventure grafiche e delle produzioni legate in qualche modo al mondo della Lucasfilm (incluso Star Wars) ho sicuramente imparato due cose: la speranza è sempre l’ultima morire e alla fine ogni lunga attesa viene ricompensata.

Prima di proseguire però penso sia meglio fare un piccolo passo indietro.

Tanto tempo fa, in una software house lontana, lontana…

Nel 1988 David Fox e Matthew Alan Kane, impiegati entrambi presso la storica Lucasfilm Games (poi diventata LucasArts) una divertente avventura grafica intitolata Zak McKracken and the Alien Mindbenders.

Zak McKracken Between Time and Space Screen 1

La bizzarra avventura di Zak si rivelò ben presto un incredibile successo diventando negli anni un punto di riferimento per tutti i fans delle avventure grafiche.

I presupposti per un capolavoro in fondo c’erano tutti: quattro personaggi giocabili, enigmi complessi e ben congegnati ed una trama che ci portava ad esplorare tutto il pianeta (e non solo) per scoprire i segreti di un’antica civiltà.

Nonostante il successo del gioco la LucasArts non ne realizzò mai un vero e proprio seguito preferendo concentrarsi su nuove IP e su quello che ne rappresenta l’erede spirituale, la saga di Monkey Island.

Un sequel tanto atteso…

Come scritto in apertura, chi ama gli universi Lucas è abituato alle lunghe attese (pensiamo ai nove anni trascorsi per Tales of Monkey Island o i dieci per Il Risveglio della Forza), quasi facessero ormai parte del loro DNA.

L’aspetto più curioso del ritorno di Zak è semmai quello legato alla sua ideazione, avvenuta non per interesse della LucasArts (che aveva abbandonatoto il personaggio) ma per quello di un gruppo di fans, fedelissimi che hanno creduto in Zak più della stessa software house.

Frutto del duro lavoro di Artificial Hair Bros (un piccolo team di sviluppo composto da programmatori ed appassionati di avventure), Zak McKracken: Between Time and Space è un seguito arrivato esattamente vent’anni dopo l’uscita dell’originale (la prima versione, quella in tedesco, è infatti del 2008).

Per portare a termine il progetto il team ha impiegato ben 8 anni 8i primi lavori erano iniziati nei primi mesi del 2000) e ne ha impiegati altri sette per realizzare la versione definitiva (la Director’s Cut).

Il titolo è stato realizzato con fondi e risorse interne (e grazie al tempo dedicatogli dai fans e dagli sviluppatori) e rilasciato in forma totalmente gratuita.

Dove eravamo rimasti?

Ambientato nel 2009, circa cinque anni dopo gli eventi del primo capitolo, il nuovo episodio vede ancora come protagonista il nostro amato Zak, diventato direttore di una sua testata giornalistica, il National Infiltrator.

Zak McKracken - Between Time and Space Screen 2

L’avventura di Zak inizierà nella stiva di un aerwo passeggeri diretto a Zurigo che nel bel mezzo della traversata oceanica verrà intercettato e catturato dagli alieni.

Dopo un rocambolesco tentativo di fuga, Zak perderà conoscenza e si risveglierà nel suo appartamento con un bel bernoccolo in testa, convinto più che mai che l’accaduto non sia stato un sogno e deciso ad indagare.

Come ben presto scopriremo, il dispositivo che proteggeva il pianeta dall’influenza dei Caponiani è stato disattivato e i malvagi alieni si preparano ad una nuova invasione. Riuscirà Zak a salvare la Terra ancora una volta?

Tra vecchio e nuovo

A differenza del primo capitolo in questa nuova avventura Zak viaggerà da solo e non ci saranno altri personaggi con cui alternarsi (Leslie e Melissa hanno una brillante carriera in TV ed Annie farà più che altro una comparsata).

Zak McKracken Between Time and Space Screen 2

Nonostante questa differenza Between Time and Space conserva comunque molti elementi in comune con l’originale e non manca di rendergli omaggio in più di un’occasione.

Come in Zak McKracken and the Alien Mindbenders passeremo molto tempo viaggiando intorno al mondo (con tanto di soste in aeroporto) visitando decine di locazioni e parlando con tantissimi nuovi personaggi.

All’interno del gioco il team ha anche inserito numerose easter eggs e camei che faranno la felicità dei fans della LucasArts (ed in particolare quelli del mitico The Curse of Monkey Island).

Sono Zak McKracken, temibile reporter…

I legami con il terzo capitolo delle avventure di Guybrush sono fin da subito abbastanza evidenti e si notano soprattutto nello stile e nel tono generale dell’avventura.

Zak McKracken - Between Time and Space Screen 1

Come il capolavoro di Jonathan Ackley e Larry Ahern anche Between Time and Space presenta situazioni surreali e personaggi ai limiti dell’assurdo puntando molto sull’ironia, gli elementi comici ed i dialoghi sopra le righe.

Lo stesso Zak, che nel primo capitolo aveva una personalità comunque solo abbozzata, stavolta risulta davvero molto caratterizzato (a tratti anche un pò cinico), ma comunque divertentissimo ed incline alla battuta, proprio come il caro vecchio Guybrush Threepwood.

Lo stile di Zak

Zak McKracken: Between Time and Space è stato tealizzato utilizzando il Visionaire Adventure Game Engine, un tool di sviluppo molto potente e versatile che permette anche ai “non addetti ai lavori” di realizzare da zero avventure grafiche punta e clicca 8ed è lo stesso tool utilizzato per altri celebri titoli come Chanis of Satinav e Deponia)..

Zak McKracken - Between Time and Space Screen 4
Proprio per dare un senso di continuità alla serie, alcune ambientazioni del primo episodio sono state riproposte anche in questo seguito (ovviamente arricchite con nuovi personaggi e particolari), ma la maggior parte saranno tutte completamente inedite.

Nonostante si tratti di un punta e clicca in 2D per dare maggior risalto ad alcune sequenze del gioco, il team ha scelto di realizzare le cutscenes in CGI con grafica tridimensionale (e con risultati davvero encomiabili).

Per quanto riguarda l’interfaccia in questa nova versione il team ha abbandonato la griglia con i verbi (un pò vintage a dirla tutta…) sostituendola con una più moderna con le icone.

L’inventario accessibile spostando il cursore nella parte bassa dello schermo (con la possibilità di combinare gli oggetti) mentre per visualizzare gli hot spot su schermo ci basterà tenere premuta la barra spaziatrice.

Zak McKracken - Between Time and Space Screen 5

Audio spaziale

Uno dei fiori all’occhiello di Between Time and Space è sicuramente il doppiaggio in particolare modo quello in inglese aggiunto nella versione Director’s Cut.

Il cast delle voci, soprattutto quella del protagonistam è risultato davvero molto azzeccato raggiungendo in molti casi vette di altissimo livello regalando a (quasi) tuti i personaggi la giusta caratterizzazione.

Al doppiaggio hanno contribuito anche delle guest star d’eccezione come David Fox, sua moglie Annie e Matthew Kane, codesigner del primo Zak.

Lo stesso Kane ha inoltre realizzato una versione remixta del tema originale che ben si adatta e fa da traino per l’intera colonna (quest’ultima sempre di buon livello).

Dove trovarlo

Zak McKracken; Between Time and Space può essere scaricato gratuitamente dal sito ufficiale del gioco cliccando QUI.

Zak McKracken - Between Time and Space Screen 7

Bentornato Zak!

Devo essere onesto, ho aspettato Zak McKracken; Between Time and Space davvero per lungo tempo e devo dire che il titolo di Artificial Hair Bors non ha assolutamente deluso le mie aspettative.

Pur non potendo essere comparato con l’originale (sarebbe stato impossibile dopo vent’anni regalarci le stesse emozioni) Between Time and Space riesce comune a catturarne l’atmosfera con una storia a tratti davvero appassionante.

Longevo ed impegnativo al punto giusto è un titolo che non dovreste farvi sfuggire ed un’occasione imperdibile per rincontrare un caro vecchio amico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...