Broken Sword – The Serpent’s Curse

Sviluppato grazie ai fondi raccolti tramite una campagna su Kickstarter di grande successo, Broken Sword – The Serpent’s Curse rappresenta il quinto capitolo della pluripremiata serie creata da Revolution Software.

L’ultimo episodio della saga (diviso per l’occasione in 2 capitoli di cui il secondo in uscita nei primi mesi del 2014), vede ancora come protagonisti i mitici George Stobbart e la foto-giornalista francese Nicole Collard alle prese stavolta con una sorta di cospirazione che ruota intorno ad quadro a quanto pare maledetto.

Per qualche beffardo scherzo del destino o per un eccessiva concentrazione di sfiga (esserei protagonisti delle avventure Revolution comporta anche questo) i nostri due eroi si troveranno già delle prime battute ad assistere ad un omicidio con furto proprio nella galleria d’arte in cui George e Nico si erano dati appuntamento.

La trama sembra ben scritta ed intricata (non sarebbe Btoken Sword se non lo fosse) con parecchi enigmi, luoghi da visitare qualche bel viaggetto (e tenete presente che è solo la prima metà del gioco).

A prescindere delle aspettative che vi siete fatti sul gioco per quanto riguarda il primo capitolo di questa nuova avventura ci troviamo davanti ad un titolo non rivoluzionario ma comunque ben confezionato.
La grafica è curata e molto dettagliata mi ha ricordato molto da vicino quella delle serie Runaway dei Pendulo Studios, sia per quanto riguarda le animazioni dei personaggi e la cura con cui sono state realizzate le locazioni.
Sul versante audio la musica è come sempre splendida ed il doppiaggio è di ottimo così come la caratterizzazione.
Il titolo è stato tradotto in ben cinque lingue (Inglese, Francese, Tedesco, Italiano e Spagnolo, solo per i sottotitoli per le ultime due).

L’interfaccia è quella classica con cursore ed inventario tutto gestito con il solo utilizzo del mouse, combinazione di oggetti, icone per i dialoghi, ecc…
Come nelle avventure più recenti all’interno del gioco è stato inserito anche un sistema di aiuti nel caso rimaneste bloccati su qualche enigma più ostico del previsto.

Per chi fosse interessato vi ricordo che potete acquistare la versione digitale del gioco sul sito Good Old Games (Link) o in alternativa su Steam (Link).

Personalmente non mi aspettavo in fondo che Broken Sword – The Serpent’ s Cursfosse un titolo rivoluzionario o che sconvolgesse troppo la serie.
A far questo ci aveva già pensato The Angel of Death (toni cupi, introduzione di un nuovo personaggio, una nuova relazione) con risultati in parte buoni ma non troppo entusiasmanti.
Credo che questo nuovo episodio metta in parte a posto le cose riprendendo gli assetti e le dinamiche che ci avevano accompagnato fino al terzo episodio e che in fondo i fans hanno sempre apprezzato.

Riformata la coppia, dimenticato un finale fin troppo triste del precedente quarto capitolo, Broken Sword 5 da un bel “colpo di spugna”  riportando la serie su binari più canonici e più vicina agli episodi originali.
Forse non un capolavoro eccelso come in molti aspettavano ma sicuramente una bella avventura di qualità sopra media, con una bella trama e personaggi che abbiamo sempre amato.
In fin dei conti ad un videogioco possiamo chiedere di più?

GALLERIA IMMAGINI:

Annunci

Una risposta a “Broken Sword – The Serpent’s Curse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...